Una via millenaria che passa per Castelvetro

La via Romea Nonantolana

La Via Romea Nonantolana riscopre uno storico itinerario che collega la Pianura Padana con l’appennino tosco-emiliano. A partire dall’Alto Medioevo e per parecchi secoli fu percorsa da mercanti, pellegrini, esercenti e viandanti che provenivano dal nord Europa e si recavano verso Roma, capitale della Cristianità.

Oggi come allora questa antica via continua ad attirare moderni viandanti alla scoperta di borghi, pievi, castelli e di tutte le preziose tracce che la storia ci ha consegnato. L’itinerario individuato parte da Nonantola, sede dell’importante Abbazia Benedettina e risale la valle del fiume Panaro fino al confine con la Toscana. Due sono le direttrici: una orientale e una occidentale, che si congiungono a Fanano dopo aver intercettato il percorso bolognese denominato “Piccola Cassia”. La Via Romea Nonantolana è oggi nuovamente percorribile da chi, camminando o pedalando, vuole scoprire e capire lo spirito che animava i nostri antichi avi.

Il sentiero per tutta la sua lunghezza, è indicato da segnali a vernice gialle (variante del tracciato–destra Panaro) e tabellato con frecce direzionali metalliche bianco-rosse recanti l’indicazione dei tempi di percorrenza (tracciato storico–sinistra Panaro). Il sentiero è percorribile anche in mountain bike ma alcuni tratti sono consigliabili solo a ciclisti esperti.

Come raggiungere la Via Romea Nonantolana

Nonantola si trova a 10 Km da Modena. All’uscita del casello autostradale A1 Modena Sud seguire le indicazioni per Modena e poi per Nonantola (statale 255). Nonantola dista 40 km da Bologna e 60 Km da Ferrara. L’auto può essere lasciata anche a Rubbiara e a Villa Sorra: il primo si raggiunge deviando lungo la statale 255 a destra prima di Nonantola mentre a Villa Sorra si arriva deviando a sinistra lungo la via Emilia prima di Castelfranco Emilia.